Amazon e Borders viste dall’inventore del primo browser

“Pensiamo a Borders, la catena di librerie. Amazon ha fatto fallire Borders, e la stragrande maggioranza dei dipendenti di Borders non sono qualificati per Amazon. Questo è un problema grosso. Ma si sarebbe dovuto impedire ad Amazon di fare una cosa del genere? A mio parere, no. Perché la vita è molto migliore, perché è molto meglio vivere in un mondo in cui Amazon è in crescita. Come le ho detto, per raggiungere la libreria della mia infanzia ci voleva un’ora di macchina, occupava circa 75 metri quadri, e non vendeva praticamente nulla che facesse venire voglia di leggere. Adesso abbiamo Amazon, dove tutto è accessibile a tutti, e la qualità dell’esistenza è migliorata. Amazon ha una forza, dal punto di vista del progresso e della cultura, e dell’economia, che Borders non ha mai avuto”. (Marc Andreessen, inventore del primo browser e oggi anche venture capitalist, intervistato da Chris Anderson su Wired).

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...