I copti uccisi e le colpe… di Berlusconi

Corriere Fiorentino

Ma che c’azzeccano gli attentati ai cristiani delle ultime settimane (come quello che ha ucciso 21 copti in Egitto) con il caso Ruby? Niente, si dirà. Errore, vi risponderebbe il Pd di Cecina, che ha presentato in Consiglio comunale una mozione di «condanna all’intolleranza e alla violenza contro le comunità cristiane nel mondo» in cui però si critica Silvio Berlusconi. La motivazione? Mancanza di requisiti morali sufficienti a impegnarsi contro le violenze. A inizio gennaio il consigliere del Pdl Dario Marzini aveva presentato una mozione contro la cristianofobia in cui si esprime «piena solidarietà ai fratelli cristiani perseguitati» in molti Stati del mondo e si «sostiene l’azione diplomatica del governo Berlusconi volta a garantire la libertà di culto nei Paesi che la reprimono e a contrastare la persecuzione religiosa» . In risposta alla mozione del centrodestra, il capogruppo del Pd Massimo Gentili cattolico praticante ed ex Margherita) ne ha presentata una sua, da discutere in Consiglio: «Considerato che la Chiesa, tramite il monsignor Bagnasco, in riferimento agli ultimi fatti di cronaca ha dichiarato un ‘ disagio morale’ del popolo italiano» , che «la stampa mondiale ormai da tempo mette in risalto gli eventi di cronaca nazionale riguardanti esponenti del governo e la condotta da essi tenuta in merito ad abitudini molto lontane dalla morale cristiana» , che il presidente della Repubblica Napolitano «ha invitato a ritrovare la morale nella politica» , si evince che «qualsiasi azione del governo italiano in merito al sostegno internazionale delle comunità cristiane nel mondo risulta essere scarsamente efficace in merito alla scarsa credibilità che il comportamento e la condotta che lo stesso tiene, è molto lontana da quello che dovrebbe sostenere» . Dunque, scrive il capogruppo del Pd, la mozione impegna sì il consiglio comunale di Cecina a esprimere «solidarietà e sostegno alle comunità cristiane nel mondo» , ma chiede anche al governo «un rinnovato impegno nel rispetto della morale etica che possa consentire il rilancio dell’azione dell’esecutivo a sostegno delle comunità cristiane» . Infuriato il Pdl: «Non abbiamo problemi a sottrarci allo scontro -dice il consigliere regionale Stefano Mugnai alcune volte lo cerchiamo anche, ma ci deve essere un limite al senso del ridicolo. Non troviamo il punto di connessione fra il massacro dei cristiani e le parole di Bagnasco sulla decadenza morale. Mescolando i massacri con il cosiddetto caso Ruby si è toccato il record negativo. La sensazione è che il consigliere che l’ha presentata rappresenti il sentire profondo dell’elettorato del Pd toscano, per il quale chiunque voti centrodestra sbaglia o è in mala fede».

David Allegranti 29/1/2011

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...